Le spietate spire della teoria di ogni gioco

Guardando Squid Game ho ripensato a quell’intervista nella quale Charlie Brooker ci spezzava le gambe dicendo che, affacciato alla finestra (e alludendo alla pandemia), non credeva che la gente avesse effettivamente bisogno di una sesta stagione di Black Mirror. La serie coreana per un verso non lo contraddice perché la produzione è iniziata prima del gran casino, ma per altro lo smentisce, perché a quanto pare l’abbiamo vista in tanti.
A me è piaciuta molto, anche se l’ho trovata un po’ motteggiante, ambigua e didascalica nelle conclusioni: la metafora del capitalismo? Le spietate spire della teoria di ogni gioco? “L’inconfondibile atmosfera del giorno del Grazie”? Boh.
Ho avuto l’impressione che, pescando qui e lì, avessero pronti tre o quattro finali e poi, indecisi su quale scegliere, abbiano deciso di girarli tutti, finendo inevitabilmente per pisciare (per usare un termine tecnico) un po’ lungo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Vuoi ricevere la newsletter?

Acconsento all'invio di e-mail di aggiornamento sull'attività di questo sito. Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni e di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali pubblicata alla pagina Privacy Policy.

Out now

Altro