Una recensione e alcuni ricordi

Non si dovrebbe mai parlare delle recensioni che si ricevono. Quali che siano, credo, si debba sempre e solo ringraziare. Tommaso Ciuffoletti, però, ha scelto di bombardarmi con il fuoco amico dei ricordi e quindi dirò qualcosa. Muove da anni che sono stati per me entusiasmanti e confusi, con i quali è sempre stimolante fare i conti. Un calcolo che però mi piace rimandare nell’illusione di una giovinezza che in qualche modo ancora mi sento addosso, nella piacevole sensazione dell’incompiuto.
Tommaso fa emergere un dato essenziale, che poi è il succo del libretto che ha voluto leggere e recensire: l’enormità del “vino” risiede nella straordinaria capacità di offrire contesti e pretesti umani e culturali. Poi ci piace e questo direi che non guasta.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Vuoi ricevere la newsletter?

Acconsento all'invio di e-mail di aggiornamento sull'attività di questo sito. Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni e di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali pubblicata alla pagina Privacy Policy.

Out now

Altro