C’è un capraio ambizioso che in qualche modo riesce a diventare molto ricco. Dopo anni all’addiaccio ha finalmente un palazzo, della servitù e una moglie giovane e bella.
È il protagonista di due atti di Raffaele Viviani messi in scena nel 1961 da Nino Taranto. “Don Giacinto a forza” era il titolo.

Anche se ora è più che benestante, l’ex capraio è infelice lo stesso, perché quello che ha non gli basta. Vive in un piccolo paese e il denaro gli fornisce ogni forma d’agio, ma non il rispetto che desidera. Lui è rimasto Giacinto, compare Giacinto, e niente di più. Quel che brama davvero è un riconoscimento sociale del suo nuovo stato: vuole essere “don”.

Per riuscirci briga in ogni modo tentando d’essere ammesso al “Circolo dei galantuomini”, dove ci sono il farmacista, il medico, vari notabili e altri signorotti che vantano scampoli di nobiltà. Tra questi c’è chi profitta della smania di Giacinto e gli scrocca denaro e altre utilità. Uno addirittura insidia la giovane moglie e tanto tenterà che l’avrà. Il paesino mormora e commenta velenosamente l’ambizione di Giacinto, finché prende a canzonarlo affibbiandogli il soprannome di “Don Giacinto a forza”. Don, a forza.
E insomma, povero Berlusconi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Vuoi ricevere la newsletter?

Acconsento all'invio di e-mail di aggiornamento sull'attività di questo sito. Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni e di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali pubblicata alla pagina Privacy Policy.

Out now

Altro