Nei giorni in cui i riti della democrazia appaiono fragili e gestiti da protagonisti forse inadeguati, è provvidenziale la notizia dei Savoia che agitano carte bollate per ottenere i gioielli della Corona conservati nei forzieri della Banca d’Italia. I monarchi mancati non ne fanno certo una questione affettiva, perché la roba sulla quale vogliono mettere le mani vale, secondo alcuni, fino a trecento milioni di euro. E quindi è anche comprensibile: chi non ci proverebbe?

Il destino dei discendenti della dinastia, tuttavia, è quello di rassegnarsi a ottenere lussi e agi lavorando. Le monarchie sono tutte condannate a quella stessa fine. Presto o tardi, tutte. Nei saloni di bellezza, mentre aspettiamo il turno per la parrucchiera, ci mancherà forse parlarne. Ma ce ne faremo una ragione noi, come se ne faranno una loro.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Vuoi ricevere la newsletter?

Acconsento all'invio di e-mail di aggiornamento sull'attività di questo sito. Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni e di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali pubblicata alla pagina Privacy Policy.

Out now

Altro