A casa (Corleone) tutto bene

Contro ogni pronostico mi sono appassionato alla serie di Muccino. La prova più dura, nella prima puntata, è stata sopportarne la terribile fotografia. Ma ci si abitua e si sopravvive. Gli interpreti sono alcuni davvero bravi e altri mediocri: c’è anche Emma Marrone, per dire. Quel che però mi ha inchiodato allo schermo è il fatto che i personaggi principali siano platealmente ispirati (per non dire altro) alla famiglia Corleone.

Intanto Pietro, che qui è il Padrino al quale tutti chiedono favori nel corso di un ricevimento. Poi il suo primogenito: un caldo di testa alla Santino, altrettanto inadeguato a sostituire il padre. L’altro maschio vale il giovane Michael: un “delicato” che si complica con le donne e non vuole immischiarsi nella gestione degli affari di famiglia. La sorella non fa deroga ed è a buon ragione un’insicura: infatti è cornuta tanto quanto Constanzia (Connie) Corleone. Il Riccardino di Muccino (cugino dei figli di Pietro) è invece un ibrido tra il maggiore dei fratelli Corleone, Fredo, e uno dei figliocci di Don Vito, Johnny Fontane: del primo ha il carattere fragile e la scarsa intelligenza, dell’altro l’attitudine al canto e la vocazione a farsi risolvere i problemi dagli altri.

Caso vuole che la storia ruoti intorno alle sorti di un ristorante, quindi mi sento autorizzato a incrociare le dita e ad aspettare un Fat Clemenza che spieghi la ricetta del sugo per le polpette. Vediamo…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Vuoi ricevere la newsletter?

Acconsento all'invio di e-mail di aggiornamento sull'attività di questo sito. Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni e di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali pubblicata alla pagina Privacy Policy.

Out now

Altro